Lacrime notturne

Non sto bene.
Finché sono impegnata, finché sono sotto pressione sono una macchina. Non perdo un colpo. Sempre tesa, razionale, rapida, concentrata.
Appena mi rilasso però qualcosa esplode dentro di me e sono completamente persa nei miei deliri. Come ora. Con il viso ancora una volta bagnato di lacrime che mi ero ripromessa di non versare più per una ragione così futile.
Ho già perso abbastanza tempo, lacrime ed energie. Devo smetterla. Ma come? E poi, in fondo, non voglio guarirne, perché un po’ di autocommiserazione mi caratterizza, da sempre. Ritrovo me stessa nel mio stare male. E quindi mi richiuderò a riccio. Starò male quanto basta per capire che sono patetica e che valgo di più. Starò al buio quanto basta per capire che non è la sua luce quella che cerco. Perché non solo di crisi sentimentale si tratta. È più una crisi “spirituale” – personale. Nel senso che continuo a cercare.
Di ostacoli ce ne sono veramente tanti. A volte non me ne accorgo ma resto incatenata quando invece dovrei correre. E di certo questa “non-storia mai iniziata e (forse) finita senza però scrivere la parola fine” non mi sta aiutando per nulla. È banale, è patetico. Da mesi ripeto le stesse cose.
Il suo viso sul cuscino. La sua mano che stringe la mia. Il suo sorriso in una mattina di sole. Il suo sguardo che mi cerca di nascosto. Il suo profumo che ho imparato a riconoscere.
Ogni volta che sono convinta di avere fatto un passo avanti, in realtà ne ho fatti due indietro.
Buona notte

Annunci

4 pensieri riguardo “Lacrime notturne”

  1. Sai che ti dico? Non dovremmo mai buttarci giù più del necessario (anche se io lo faccio troppo spesso). Ci sono cose peggiori nella vita di un’ossessione non corrisposta… DOBBIAMO andare avanti!!
    – E te lo dico mentre sto alla finestra nella speranza che passi… patetica… Andy mi direbbe di alzare il culo e piantarla…

    Mi piace

  2. Beh, buttarsi più giù del necessario ci sta, ti aiuta ad uscirne più forte, quando ti andrà di uscirne. Ma una cosa è certa: non hai bisogno della luce di nessuno, devi far risplendere la tua! Un abbraccione!!!

    Mi piace

  3. Ciao!
    Anch’io ogni tanto mi perdo nel labirinto che mi si materializza in testa. Ma è ancora lui. (mi piace il soprannome “baby hubby”!) E lo so che DEVO smettere di frignare. Forse non sono così forte come pensavo, forse mi deprimo così perchè è un po’ un momentaccio in generale. O forse sono semplicemente cretina.

    E sappi che anch’io ti tengo d’occhio! 😉

    Mi piace

  4. Non sono proprio sicuro di ricordare aver capito tutto, ma si tratta del baby hubby? Perchè se è di lui che parli, credo sia meglio che ut ci dia un taglio. E subito. Anzi: smetti di frignare e vai avanti… 🙂

    E se non è il baby hubby… allora non ci ho capito una mazza! E’ lo skater? O un altro???? miiiii mi sono perso 🙂

    Buona domenica!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...