Ti salverò da ogni malinconia

“Love, however, must be understood, not through the logic of a woman like me who continually racks her brain to protect herself, but through its illogic.”

Ohran Pamuk – My name is red

Un’altra giornata grigia. Dal cielo scende qualcosa simile a minuscoli fiocchi di neve. Che tristezza dicembre.

Io sono sicura di quello che sento. E che voglio. Ma mi sento abbandonata su una barca che si sta allontanando dalla riva. E ogni tanto remo con tutte le mie forze e torno sulla nostra isola. E il sole splende e la brezza è leggera.
Poi però mi sento allontanare di nuovo.

E lo so che sono tutte paranoie. Che si tratta sempre solo di una questione di equilibrio. Ma in giornate come queste non sono più sicura di potercela fare. Avrei bisogno di un abbraccio – seppur virtuale, avrei bisogno di vedere una mano tesa per me. E invece mi sento lontana.

Mi immagino camminare scalza nell'”appartamento”, sorseggiando martini, mentre vado sul balcone a fumare l’ennesima sigaretta. In quest’immagine da sogno sto sorridendo e non mi devo più preoccupare di messaggi che non arrivano o di email che si perdono nell’aria. E ci sono momenti in cui vorrei davvero prendere quella decisione…

Come al solito io ho esagerato con l’entusiasmo. Prendere aerei così su due piedi e mettere tutta me stessa in una storia che (forse) sta prendendo forma. Una storia che mi sta dando forza anche nel mio essere persona e donna. Ma ora non ho bisogno di individualismo, ora vorrei davvero essere una di quelle persone evidenziate, essere la sua “persona speciale”. Sarò sciocca, ma ho bisogno di sentirmelo dire.

Settimana scorsa alla domanda: “Sei davvero sicura di buttarti in una storia così?” ho risposto sì senza esitazioni.
Se mi facessero la stessa domanda oggi, la risposta sarebbe la stessa. Ma esiterei.

È anche vero che poi leggo qualche vecchia email e mi dico che era così che doveva andare e che finalmente siamo approdati allo stesso porto. E che ne valeva davvero la pena.

Ma ho bisogno di sapere di non essere l’unica a crederlo. Sarò sciocca, ma ho bisogno di sentirmelo dire.

E stavolta non chiedo scusa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...