Nebbia nel parco

Sono sparita per un po’. Quest’ultima settimana è stata alquanto impegnativa: ultima settimana di lavoro prima di un break di 2 settimane, con un nuovo progetto da far partire e documenti da preparare per la prima settimana di gennaio, quando io sarò ancora in ferie, mentre il mondo avrà già ripreso a girare.
E poi c’erano i regali da comprare, le cene e i party di natale e i colleghi da salutare. Ieri sera alle 7 ero a casa e avevo fatto tutto quanto. Eppure ancora non ero abbastanza “ispirata” per scrivere un post. E dire che quasi ogni sera tornando a casa mi sono raccontata qualcosa di nuovo nella testa (e a volte anche ad alta voce), ma una volta davanti al pc mi sono bloccata.
Ho parlato troppo in questi ultimi giorni e non ho ascoltato abbastanza. Credo sia per questo che non riuscivo a scrivere.
Oggi ho ricominciato ad ascoltare. E ricomincio a scrivere.

Ci sono abbracci che ti senti addosso anche mentre cammini da sola verso casa. Abbracci che ti si avvolgono attorno al cuore, mentre quel sorriso ti si stampa nella testa. E ci saranno aerei e chilometri (o miglia), ci saranno lingue diverse e persone diverse. E nuovi ricordi. E i messaggi telematici saranno sempre più radi. E il ricordo sbiadirà. E ci si perderà.
Ma magari in una futura giornata di nebbia mi sentirò terribilmente sola ma mi ricorderò quell’abbraccio o quelle sensazioni o un altro abbraccio ancora più intenso. E un abbraccio saranno mille abbracci e un sorriso mille sorrisi.

E ci sarà la luna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...