Parole Parole Parole

Oggi ho pranzato alla fiera dei luoghi comuni.
Sul menu c’erano i seguenti argomenti:
– quando si vive all’estero si sbava non appena si trova una bottega che venda i prodotti alimentari del proprio paese d’origine;
– passare tutta la giornata seduti alla scrivania stando davanti al computer fa male al fisico; il corpo ha bisogno di esercizio;
– cenare tardi e mangiare pesante non va bene; gli scandinavi sono gli unici che sanno vivere in maniera sana;
– “no, a me i cibi pronti fanno schifo, ma ieri sera non avevo nient’altro di commestibile in casa”.
Preferisco pranzare da sola che sentire tutti i giorni queste storie, che al lunedì fanno buona compagnia alle domande sul fine settimana (di cui ho già parlato). Discorsi che alla fine nessuno ascolta sul serio. Credo di aver di meglio da fare che riempire l’aria di parole vuote o starmene in un angolo (perché oggi mi ci hanno praticamente spinta) ad essere giudicata da delle semi-sconosciute che si permettono di dirmi cosa e non devo fare.
Ho 28 anni, da 4 vivo “da sola” e da almeno 12 nessuno si è permesso di impormi come vivere.

Ciò non significa che non mi piaccia andare a mangiare la pizza o che non mi piaccia farmi un bel piatto di pasta.
So benissimo che la mia schiena risente del fatto che passo circa 8 ore alla scrivania, ma quando torno a casa mi rimetto davanti al computer perché mi piace farlo.
Adoro il ritmo di vita spagnolo, approfittare di tutta la giornata, cenare tardi e andare a letto sempre dopo mezzanotte.
Preferisco cibi pseudo-sani, cucinare mi dà soddisfazioni e mi piace molto andare dal fruttivendolo al sabato mattina e tornare a casa con la mia borsa piena di frutta e verdure che fanno bene. Ma a volte mi riscaldo qualcosa al microonde o metto una pizza in forno e non me ne vergogno affatto.

Chiamatelo come vi pare: essere snob, asociali o intolleranti, ma io alla fiera dei luoghi comuni vado solo per farmi quattro risate, non per cercare una filosofia di vita.

Annunci

2 pensieri riguardo “Parole Parole Parole”

  1. Ciao b.a.. Purtroppo sto incontrando sempre più spesso persone che non la pensano come noi, e sono stanca di starle ad ascoltare. A volte però è necessario ascoltarle questi discorsi (o per lo meno fingere) se si vuole mantere un posto in società.
    Prendiamola come una sorta di sfida. Ne usciremo più forti!

    Mi piace

  2. ci sono in giro, e mi pare in caso di dire a questo punto, in ogni angolo di mondo, persone che si permettono di “criticare” il tuo stile di vita senza neppure sapere chi sei.
    Senza neppure porsi domande fondamentali su chi hanno davanti.
    Io generalmente le snobbo e quando arrivo al limite succede che comincio a rispondere a tono e li sono problemi….
    La vita è bella proprio perchè varia…. e quello che fai tu potrebbe arricchire me come persona e viceversa….

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...