Storie di tutti i giorni

Quando ti fermi in corridoio a parlare con qualcuno. In piedi, con l’immancabile tazza di caffè in mano. Ti guardo e filtro tutti i suoni e le voci attorno. Sei lì, immobile, e mi chiedo se avverti la mia presenza, il mio sguardo. Una parte di me vorrebbe che ti voltassi e mi sorridessi, ma un’altra parte spera che non ti accorga di me per poter continuare a guardarti.

Nella mia testa immagino di abbracciarti e tu che mi accarezzi la testa ed io che annuso il tuo profumo. E mi sento a casa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...