Pensieri d’estate

Sestri Levante e Valeria e il profumo di caffè. Una foto in bianco e nero della porta-finestra socchiusa e la caffettiera sul tavolo.Ho la testa piena di ricordi di altri, così vividi da mischiarsi con i miei. Gente che ho incrociato anni fa e che pensavo sarebbe rimasta per sempre nella mia vita. E forse in qualche modo è ancora qui. 

Come quando sento suonare un violino e mi torna in mente Franz. 

Mi chiedo fino a che punto l’immagine che avevo di queste persone fosse affine alla realtà. Questo è un dubbio che mi porto dietro costantemente. Mi ossessiono con le persone che mi piacciono, che mi provocano emozioni, che mi scuotono. Ma ciò che vedo in loro è solo la proiezione dell’idea che ho di loro. 

Ecco che lo sto facendo di nuovo. Mentre ho nelle orecchie canzoni in svedese e penso di parlare con lui in inglese, il sole mi scalda il viso e il treno corre accanto al Tirreno. 

Lui su un’isola a 1500 km. 

Sono ossessionata dai numeri, le distanze spazio temporali, e i pensieri che si materializzano e riempiono valigie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...